Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/328

292

misfatti. Come guizzano dalla fontana quelle acque, così guizzò il sangue di quelli, che vuoi trarre al supplizio. Ma quello che é vero, si é, che l’umana mente abborre affatto l’ingiustizia, e la crudeltà. Avesse pur Dio voluto, che non fosse mai nato Sabbazio! Che così non avrebbe avuto certamente un figliuolo sanguinario, come te. Questa é la ventesima sesta strage commessa allo Zeugina. La mattina egli stava in teatro allo spettacolo; e verso sera, o Supremo Signore, fu trucidato.

I VENETI. - Tra voi soli sono gli omicidi di quelli che raccolgonsi allo stadio.

I PRASINI. - E tu quando ne partisti non imbrattato di sangue?

I VENETI. - Ma tu, anche senza cagione alcuna prorompi alle stragi. E ti ripeto che tra voi soli sono gli omicidi di quelli che raccolgonsi allo stadio.

I PRASINI. - Signor Giustiniano! Costoro provocano gli altri, e non sono uccisi da nessuno. Credo che questa cosa sia intesa anche da chi non vuole. E chi fu, o Imperadore, che trucidò allo Zeugina il falegname?

IL NUNZIO. - Voi lo uccideste.

I PRASINI. - Chi, o Imperadore, ammazzò il figliuolo di Epagato?

IL NUNZIO. - Voi pure foste quelli, e ne date la colpa ai Veneti.

I PRASINI. - Senti, senti, come la verita sia conculcata. Dio buono! sii propizio! Vorrei ora discorrer con quelli, i quali sostengono che le cose umane vengono governate dalla volontà divina. Da che nascono queste disgrazie?

IL NUNZIO. - Dio non é senatore de’cattivi.

I PRASINI. - No, per certo. Dio non é tentator de’cattivi. Ma chi sì ingiustamente mi opprime! Via, filosofo, od eremita, che tu sii. Ti lascio qual vuoi.

IL NUNZIO. - Bestemmiatori! Empii! Quando una volta vi quieterete?

I PRASINI. - Quando tu vuoi così, o Massimo Augusto, anche a mio malgrado mi quieto. Conosco tutto, e ciascheduna cosa