Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/277


241

cazione che quella del terrore, lo comprova anche una Novella di Giustino II, nella quale si legge: Alcuni di costoro giunsero a tanta malizia, che anche dopo essere stati ammessi al salutare battesimo, di nuovo ritornarono al male, onde s’eran ritratti, e lo stesso rito seguirono de’ Samaritani, e dallo stesso furore si videro agitati. La Cronaca alessandrina aggiunge. Alcuni di loro presi da paura, cedendo alla urgente necessità si fecero cristiani: i quali furono ammessi al sacro fonte, ed oggi seguono l’una religione e l’altra: mentendo colle apparenze astutamente e perfidamente di essere cristiani, onde evitare la severità de’ Governatori. Quando poi trovano magistrati avari, e in fatto di religione rilassati, sono samaritani, odiatori acerrimi de’ cristiani; e vivono come se non conoscessero punto Cristo; e corrompono con denaro i procuratori delle provincie, onde sieno a’ Samaritani favorevoli.

4.° La natura del caso, in cui questi Samaritani per le accennate leggi furon messi, spiega facilmente la ribellione in cui si posero. Due distinte epoche però vengono dagli Scrittori indicate. Teofane la pone nell’anno secondo di Giustiniano: la Cronaca alessandrina la pone nell’anno quarto. Non é ben chiaro chi fra questi due fissi il preciso e vero tempo. La Cronaca suddetta nota, che avendosi i Samaritani creato un Re, e Cesare, fu loro mandato contro con esercito Ireneo, comandante della Pentadia, il quale ne uccise molti. Ma Teofane parla di un’altra ribellione de’medesimi e de’ Giudei, seguita in Cesarea l’anno vigesimo nono del regno di Giustiniano; i quali, dic’ egli, ad imitazione de’Prasini e de’Veneti diedero addosso ai Cristiani di quella città, ne ammazzarono molti, ne abbruciarono le chiese, e Stefano prefetto della città uccisero nel pretorio, e tutte le sue robe portarono via. La moglie di questo si recò a Costantinopoli dall’Imperadore a dar querela del fatto; e l’Imperadore ordinò ad Adamanzio, maestro della milizia, di recarsi in Palestina, e di far processo della uccisione di Stefano ec.

5.° E’ curiosa l’audacia di questo Giuliano (il Re e Cesare, dai

Procopio. 16