Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/27


xvii

dissipazione da un canto, astuzie e crudeltà dall’altro; e avarizia, e spensieratezza in aggiunta, e contraddizione perpetua nella intera amministrazione; questo e ciò che dalla ben attenta lettura di queste due opere di Procopio risulta. Se l’una riferisse fatti, che ben combinati coi retti fini sarebbero laudevoli; l’altra presta la chiave per vederli nel loro naturale e giusto valore. Ond’è che io penso, e meco penseranno tutti quelli che abbandonando le prevenzioni riguardano alla sostanza delle cose, che l’opera degli Edifizii lungi dall’indebolire la fede alla Storia Segreta, mirabilmente viene a confermarla.»

«Adunque io sinceramente lodo il pensier vostro, signor Sonzogno, di aggiungere, siccome divisate di fare, alla Storia Segreta volgarizzata da me, i sei libri degli Edifizii, perciocchè non credo esservi timore di vedere da quest’ultima Opera di lui