Apri il menu principale

Pagina:Opere complete di Galileo Galilei XV.djvu/314

296 poesie.

Non lo pensar; ch’io non son mica Ebreo,
     Sebbene e’ pare al nome ed al casato
     153Ch’io sia disceso da qualche Giudeo.
Io sto a veder se il mondo è spiritato,
     E s’egli è uscito del cervello affatto,
     156E s’egli è desto, o pure addormentato;
E s’egli è vero ch’un, che non sia matto,
     Non arrossisca che gli sia veduto
     159Un abito sì sconcio e contraffatto.
Io in quant’a me mi son ben risoluto,
     Ch’i’ non ne voglio intender più sonata;
     162Mi contento del mal ch’i’ n’ho già avuto.
E perchè non paresse alla brigata,
     Ch’i’ mi movessi senza occasïone,
     165Come fan quelli ch’han poca levata;
Io son contento dir la mia ragione,
     E che tu stesso la sentenza dia:
     168So che tu hai giudizio e discrizione.
La prima penitenza che ci sia,
     Guarda se per la prima ti par nulla,
     171È ch’io non posso fare i fatti mia,
Come sarebbe andare alla fanciulla;
     Ma mi tocca a restar fuor della porta,
     174Mentre che un altro in casa si trastulla.
Dicon ch’è grave errore, e troppo importa
     Ch’un dottor vadia a casa le puttane;
     177La togal gravità non lo comporta.
E il veder queste cose così strane
     Mi fa poi far qualch’altro peccataccio,
     180E bene spesso adoperar le mane.
Onde costor, che si pigliano impaccio
     Della mia salvazione e del mio bene,
     183Bravan e gridan ch’i’ non ne fo straccio.