Pagina:Omero - L'Odissea (Romagnoli) II.djvu/233

232 ODISSEA

Queste parole andavan volgendo Cosí l’uno all’altro.
E poi che fu il travaglio cessato, e apprestata la mensa,
l’uno vicino all altro su i troni sederono e i seggi,
e sovra i cibi pronti gittaron le mani; e a lui presso
il vecchio Dolio giunse, con lui giunsero anche i suoi figli,
stanchi, dalla campagna: chiamati li aveva la vecchia
sicula, madre loro, che ad essi apprestava la mensa,
e Dolio, fatto vecchio, curava amorosa. Ora questi,
com’ebber visto Ulisse, com’ebbero tutto compreso,
stettero tutti stupiti in mezzo alla stanza. Ma Ulisse
a loro con soavi parole volgendosi, disse:
«O vecchio, siedi al desco: non statemi tanto a stupire:
ché noi, con molta voglia di stendere ai cibi le mani,
stiamo attendendo qui da un pezzo la vostra venuta».
Cosí diceva. E Dolio, entrambe stendendo le mani,
corse ad Ulisse, gli prese, gli baciò la mano sul carpo,
e gli parlò, cosí gli volse I’alata parola:
«O caro, poi che a noi bramosi sci pure tornato,
che piú non si sperava, ma i Numi t’ hanno essi condotto,
salute a te, fortuna, ti diano i Celesti ogni bene.
E questo a me rispondi verace, ch’io bramo saperlo:
se già saputo ha tutto Penelope piena di senno
che sei tornato, o se mandarle dobbiamo un messaggio».
E gli rispose Ulisse lo scaltro con queste parole:
«Vecchio, lo sa di già: di questo non darti pensiero».
Cosí disse; e di nuovo il vecchio sedè sul suo scanno.
E poi che similmente di Dolio i figliuoli ad Ulisse
ebbero volti saluti, Io ebbe ognun d’essi abbracciato,
vicino al padre Dolio sederono in giro alla mensa.
A banchettare dunque badavano questi; e veloce