Pagina:Omaggio del Capitolo e del Seminario di Acqui a Giuseppe Marello.djvu/43

 
Omaggio del Capitolo e del Seminario di Acqui a Giuseppe Marello - TO04.jpg 43 Omaggio del Capitolo e del Seminario di Acqui a Giuseppe Marello - TO04.jpg
 

Era uno stuol di poveri
A lui gregge diletto,
Per cui nutriva fervido
Amor nel santo petto,
Come Gesú alla tenera
E sprovveduta età.


Scorgea nel trivio lurido
Un muover d’orfanelli,
Che, a se lasciati, ahi! miseri,
Quai deboli arboscelli
Ad ogni soffio piegansi
Sul tenerello stel.


Ei li raccoglie, e amabile
Fin dall’april degl’anni
Gl’informa a sensi nobili,
Ne mitiga gli affanni,
Che insiem coll’uomo nascono
E il seguon nell’avel.


E ritemprato l’animo
A scienza ed a virtude,
Quai fiori nel cui calice
Vitale umor s’inchiude,
Di trapiantarli affrettasi
Nel mistico giardin.