Pagina:Odi di Pindaro (Romagnoli) II.djvu/151

144 LE ODI DI PINDARO




Epodo

a luce; ed a vane speranze precluso è l’evento;
ma per la tua patria e i Caríadi
ben posso scolpire una pietra che in musiche voci favelli
la duplice corsa vittrice.
Ben godo io, se lancio opportuno
l’elogio per l’opera. E può con i cantici
qualcuno il dolor dei travagli lenire. E fu l’inno d’encomio
ben pria che a contesa venissero Adrasto e la prole di Cadmo.


Odi di Pindaro (Romagnoli) II-0151.png