Pagina:Odi di Pindaro (Romagnoli) II.djvu/147

140 LE ODI DI PINDARO


i buoni, e gitta obbrobrio sui tristi: ché i saggi onorano i virtuosi (v. 40-48).

Richiamare dalla sua tomba Mega, il padre di Dinide, non è possibile: possibile è comporre un canto che sia come una pietra scolpita in vostra gloria.


Odi di Pindaro (Romagnoli) II-0147.png