Pagina:Odi di Pindaro (Romagnoli) II.djvu/123

116 LE ODI DI PINDARO


Giove ogni cosa comparte,
arbitro è Giove di tutto.
Pure, anche queste virtudi
aman la lode melliflua del canto. Ed in opere e in gare


Epodo

temprisi chi di Cleònico la stirpe conosce.
Mai degli umani le lunghe fatiche
restan nel buio; né quanto dispendio eccitavan le cure
della speranza. Pitèa pure lodo
che nel diritto cammino guidò per Filàcida il corso
delle percosse che doman le membra.
Destro è di mano: è nel senno
simile a lui. Prendi il serto,
su, prendi le bende villose, e insiem manda il cantico alato.


Odi di Pindaro (Romagnoli) II-0055.png