Pagina:Odi di Pindaro (Romagnoli) I.djvu/87

54 LE ODI DI PINDARO


e il volo dei carri precipite. — Predico a Terone, ché il cuore mi spinge,
e ai figli d’Emmèno, alta gloria. Di Tindaro i figli dai vaghi corsieri la porgono ad essi,
perché più d’ogni altro mortale li onoran con mense ospitali,


Epodo

e dei Beati le feste osservan devoti. — Se il pregio dell’acqua va sopra ogni cosa, se l’oro vai meglio
che ogni altra ricchezza, Terone, movendo dal suolo natale, pervenne
ai limiti estremi, toccò d’Alcide i pilastri. Più lungi, non vanno né savi, né ignari. Io nol tento. Sarebbe follia.


Odi di Pindaro (Romagnoli) I-0283.png