Pagina:Odi di Pindaro (Romagnoli) I.djvu/53

22 LE ODI DI PINDARO

che Giove lanciò a volo dalle due estremità del mondo. Il grembo selvoso d’Apollo (v. 8) è il suo santuario, scintillante di oggetti, aurei e tutto cinto da una selvetta.

Questa ode non ha forma epodica, ma è composta di sei strofe uguali.


Odi di Pindaro (Romagnoli) I-0053.png