Pagina:Odi di Pindaro (Romagnoli) I.djvu/20


PREFAZIONE XXI
con aurei pomi fittissimi,
ed ombre d’incensi.

E la nascita di Iamo:

Evadne, deposta la zona
di porpora e d’oro, e la calpide argentea, sotto una macchia
cerulea, die’ a luce un fanciullo di mente divina.

E lo abbandonò. Ma

due draghi di glauca pupilla gli stettero a guardia, gli diedero
ristoro col succo de l’api purissimo.

E qui rimase il bambino:

ascoso giaceva fra giunchi, fra impervi cespugli,
infuso le tenere membra dai raggi che porpora e gialli
piovean le viole.

Qui Pindaro è proprio pittore. Vedendo balenare quelle scene, egli s’è compiaciuto degli effetti di colore e di luce, delle armonie e dei contrasti: di quelle grandi macchie di porpora costellate da un miriade sfolgorio di punti d’oro; del velo tenuissimo, ombra d’ombra, che piove dagli incensi vaporanti; della luminosità azzurrina della macchia, in cui ardono, pur cernuli, gli occhi dei dragoni; dei raggi luminosi che, filtrando attraverso i petali delle viole, si imbevono di color giallo e amaranto, e vanno a inondare il corpicino del bimbo.

Ma ricerche anche piú sottili si possono trovare nelle odi di Pindaro. Anche qui, non indugio troppo a raccogliere quanto il lettore può trovare da sé. Ricordo tuttavia le isole dei Beati (O., II, 85):