Apri il menu principale

Pagina:Nuovi poemetti.djvu/25


IL SOLITARIO


i


Stette sul botro, stette su lo scoglio,
dritto, sonando il flauto di corteccia:
3l’acqua rispose con un suo gorgoglio.

Intese la diana boschereccia
il vecchio bosco, e la vitalba volle
6togliersi i bianchi bioccoli alla treccia.

E passò l’acqua e risalì sul colle:
per tutti i poggi il sufolo selvaggio
9schiudeva i bocci, apriva le corolle.

Pioppi ed ontani pendere, al passaggio,
facean dai rami ciondoli e nappine;
12chiedea l’avorno s’era giunto maggio.

Mettea, chi fiori non potea, le spine;
mettea le gemme l’albero più brullo:
15piovea la quercia, vergognando alfine,

le vecchie foglie a’ piedi del fanciullo.