Apri il menu principale

Pagina:Nuovi poemetti.djvu/220

204 pietole

105abbandonati, e non più messi, e date
le curve falci al fonditor di spade,
e tolto il coltro all’imporrito aratro:
l’aratro nuovo tu facesti, d’olmo
piegato a forza, e l’erpice e la treggia,
110ed intessesti le crinelle e i valli;
e nella nuova primavera, al primo
tiepido soffio, gli anelanti bovi
spingesti al solco, e nereggiava il suolo
al vostro tergo, e si bruniva attrito
115lo scabro e roggio vomere. La strada
così segnavi ai campagnoli ignari,
l’opere e i giorni, ed imparare, in prima,
la dura terra, ed osservar nel cielo
la luna e il sole, e il volo delle gru.


viii


120Ritorni ai campi, o già dei campi uscito,
uscito in riva all’infecondo mare;
in cui vedesti gli esuli del fato
venir col fuoco tratto fuor dal fuoco,
venire in cerca dell’antica madre.
125Una indugiava, delle stelle in fuga;
una splendea tra il rosso dell’aurora.
Italia! Italia! udivi tu gridare
di su le prue, tra l’ànsito del mare.