Apri il menu principale

Pagina:Nuovi poemetti.djvu/175


gli emigranti nella luna 159


C’è il Mare di Serenità. C’è il Mare
di Nubi. Anche, di Pioggie e di Tempeste.
37Un altro Mare senza l’acque amare.

C’è la Palude delle Nebbie meste.
C’è anche un Seno, a goccia a goccia pieno
40di guazza dalla grande alba celeste.

E c’è il Lago dei Sogni. Anche c’è il Seno
delle Iridi: tanti alti archi di porte
43nel cielo: un infinito arcobaleno.

Vicino ai Sogni, il Lago della Morte„.


iii


Anche la morte? e dunque anche i viventi?
“No! no! nessuno. Chi v’andò, discese.
47In terra avea del bene e le sue genti„.

Dunque nessuno... O tacito paese
sopra le nubi! O isola del cielo,
50che fiorisci e sfiorisci d’ogni mese!

Il sole ha fatto colassù lo sgelo!
Gli stagni son coperti ora dei gigli
53d’acqua, a fior d’acqua sopra il lungo stelo.