Apri il menu principale

Pagina:Notizie storiche dell'antica chiesa di San Pier Forelli in Prato.djvu/58

42 parte seconda

il sacro edifizio è attaccato alla canonica, anch’essa quasi dai fondamenti edificata1; e sul muro di confine s’innalza un modesto campanile, costruito, come dicono, a vela.

Si stende la chiesa internamente trentadue braccia dalla porta principale all’arco della tribuna; e la tribuna si prolunga per altre undici braccia e mezzo. La larghezza è di braccia 13 e mezzo da sodo a sodo, crescendo di un braccio e mezzo ne’ vani delle cappelle. È l’altezza, dal pavimento a tutto il cornicione, braccia 15; al colmo della volta, braccia 24 e soldi 5. Si ascende alla tribuna per due scalini; e da quel piano all’occhio della cupola sono braccia 21 e soldi 18.2

A Torello Niccolai pistoiese devesi il merito dell’architettura e della direzione; in che ebbe a compagno Angiolo Pacchiani di Prato: i lavori in scagliola sono opera di Bernardo Bernardini da Pescia; quelli in stucco furono eseguiti in parte dal medesimo Niccolai, in parte da Vincenzio Buffi fiorentino: e lo scultore Ulisse Cambi modellò il fregio della tribuna sul disegno del professore Antonio Marini. Ai legnami lavorarono artefici di Pistoia e di Prato.

  1. Erano, nell’antica canonica tre piccole stanze e una loggia a terreno, quattro stanze al piano superiore . Il Parroco acquistò, per via di conguagli, dal Collegio Cicognini due meschine casette.
  2. L’area dell’antica Chiesa è stata così aumentata in lunghezza braccia 10, in larghezza braccia 1½.