Apri il menu principale

Pagina:Nietzsche - La volontà di potenza, 1922.djvu/303


05 — mffrage universel, cioè del sistema Per mezzo del quale le nature inferiori si mostrano quali leggi alle nature superiori. La distruzione della mediocrità e del suo valore. (Gli unilaterali, i singoli, popoli: la pienezza della natura è da raggiungersi per mezzo dell'accoppia mento di contrasti: per questo le mescolanze di razza). — Il nuovo coraggio — nessuna verità a priori (coloro che sono abituati alla fede cercavano queste verità!) e invece libero assoggettamento a un pensiero dominante, che ha il suo tempo, per esempio il tempo quale proprietà dello spazio ecc. 654. E quanti nuovi Dei sono ancora possibili! In me stesso, in cui l'istinto religioso, cioè creatore di Dio, si anima a volte fuori di tempo, come diversamente si è rivelato a me il divinol... Tante coso strane sono già passate dinanzi a me m quei momenti fuori del tempo, che cadono nella vita come dalla luna, in cui non si sa as- solutamente più quanto si è già vecchi e come si potrà essere ancora giovani.... Io non dubito che ci siano molte specie di Dei... E non mancano dei che non si possano immaginare senza un certo alcio- nismo e una certa frivolezza. I piedi leggeri appartengono forse anch'essi all'idea di «Dio»... E' necessario spiegare che un Dio sa stare di preferenza al di là di ogni bonomia e di tutto ciò che è con- forme alla ragione? al di là ajnche, sia detto fra noi, del bene e del male? Egli ha la vista libera — per dirlo con Goethe. E per in vocare in questo caso l'autorità non abbastanza apprezzata di Zara- tustra : Zaratuslra giunge sino ad affermare in se stesso : Io vorrei credere solamente a un Dio che sapesse ballare. Sia detto ancora una volta: quanti nuovi Dei sono ancora possibili! Certo, Zaratustra è solo un vecchio at-eo che non crede nè agli Dei antichi nè ai nuovi. Zaratustra dice che egli vorrebbe — ; ma Zaratustra non vorrà... Si cerchi di capirlo bene. Il tipo di Dio secondo il tipo degli spiriti creatori, dei « grandi uomini ». 655. E quanti nuovi ideali sono in fondo ancora possibili! — Ecco un piccolo ideale che io afferro una volta, ogni cinque settimane, in una passeggiata selvaggia e solitaria in un momento azzurro di una felicità sacrilega. Passare la propria vita fra 'e cose delicato e assur- de, estraneo alla realtà, metà artista, metà uccello e metifisico, senza — 3