Apri il menu principale

Pagina:Nietzsche - La volontà di potenza, 1922.djvu/286


603. F^er la gerarchia. Che cosa è mediocre nell'uomo tipo? II nom comprendere che il rovescio delle cose è necessario, il com- bat'tej-e i danni come se fosse possibile sfuggirli il non voler aocettare una cosa coli' altra, voler cancellare e distruggere il ca- rattere tipico di una cosa, di una condizione, di un tempo, di una persona, approvando soltanto una parte delle sue qualità e volendo sopprimere le altre. Ciò che i mediocri « desiderano » è proprio quello che noi com- battiamo : r i d e a I e, considerato come qualcosa a cui non debba rimanere niente di dannoso, di cattivo, di pericoloso, di problema- tico, di distruttore. Noi abbiamo la visione opposta : ad ogni cre- scere dell'uomo deve crescere il suo rovescio; l'uomo più aito, dato che sia permesso un simile concetto, dovrebbe essere l'uomo che rappresenta più fortemente il carattere di con tradizio- ne dell'esistenza, questa essendo la sua gloria e la sua unica giustificazione.... Gli uomini ordinari hanno il permesso di rappre- sentare soltanto una piccolissima parte di questo carattere della na- tura; essi periscono non appena cresce la molteplicità degli elementi e la tensione delle opposizioni, che è quanto di^re le condizioni della grandezza dell'uomo. L'uomo deve diventare migliore e peggiore: ecco la mia formula per questa cosa inevitabile.... I più presentano soltanto, dell'uomo, frammenti e particola- ri : solo addizionando queste par1.i si giunge a formare un uomo. Intere epoche e interi popoli hanno, in questo senso, qualcosa di frammentario: è forse un lato dell'economia dello sviluppo umano che l'uomo si sviluppi a pezzetti. Non si deve pertanto disconoscere che si tratta soltanto della realizzazione dell'uomo sintetico, che gli uomini inferiori, l'enorme maggioranza sono solo preludi ed eser- cizi dal cui suono complessivo sorge quà e là l'uomo completo, l'uomo miliare che indica il progresso che l'umanità ha compiuto, sino a quel momento. L'umanità non progredisce d'un tratto: spesso il tipo che già è stato raggiunto va perduto ( — per esempio, mal- grado gli sforzi di tre secoli, non abbiamo ancora nuovamente rag- giunto Tu omo del rinascimento, e d'altra parte l'uomo del rinascimento era rimasto indietro, rispetto all'uomo antico). 604. La «purificazione del giusto» può essere soltanto la — 2