Apri il menu principale

Pagina:Nietzsche - La volontà di potenza, 1922.djvu/28


/ - 3U - Incidentalmente: Si vuole la debolezza: perchè? Per lo più perchè si è necessariamente deboli. L' indebolimento come compito. — Indebolimento del- le brame, dei sentimenti di piacere e d'avversione, della volontà di potere, del sentimento d'orgoglio, della volontà di voler avere e di « volere aver di piii » : l'indebolimento come umiltà, l'indebolimento come fede, l'indebolimento come riluttanza e vergogna per tutto ciò che è naturale, come negazione della vita, come malattia e debo- lezza abituale, l'indebolimento come rinunzia alla vendetta, all'op- posizione, all'inimicizia, all'ira. L' errore nella cura: non si vuol combattere la debolezza con un <c sy stèrne fortifiant », ma con una specie di giustificazione e col moralizzare cioè per mezzo di una interpretazione. Si scambiano due stati affatto diversi : per esempio la quiete della forza la quale è una astensione essenziale dalla reazione (il tipo degli dei che nulla commuove) e la quiete dell'esau- rimento, la rigidità sino all'anestesia. Tutti i procedimenti filo- sofico-ascetici aspirano a quest'ultimo stato, ma di fatto credono di raggiungere il primo, poiché essi attribuiscono allo stato che hanno raggiunto 1 predicati che farebbero credere fosse stata raggiunta una condizione divina. 50. Il malinteso più pericoloso. — C'è un'idea che non sembra prestarsi a nessuna confusione ed a nessun equivoco, l'idea dell'esaurimento. L'esaurimento può essere acquisito, può es- sere trasmesso per eredità : in entrambi i casi esso trasforma l'a- spetto, il v a 1 o r e delle cose. In opposizione a colui che dalla pienezza che ee-li rappresenta e sente, involontariamente dà una parte di sè alle cose e le vede più piene, più potenti, più ricche in avvenire, in opposizione a colui che in ogni modo può dare, colui che è esaurito rimpicciolisce e sfigura tutto ciò che egli vede; egli impoverisce il valore: è pe- ricoloso.... Sembra che nessun sbaglio sia possibile intorno a questo punto; malgrado ciò la storia offre il fatto spaventevole che gli esauriti sono sempre stati confusi con quelli che possedevano la maggior pienezza e questi ultimi con i più pericolosi. Chi è povero di vita, il debole, impoverisce ancora di più la vita; chi è ricco di vita, il forte, l'arricchisce. Il primo è un parassit