Apri il menu principale

Pagina:Nietzsche - La volontà di potenza, 1922.djvu/276


— (riguardo alla educazione spirituale) sono le opposte a quelle in cui stanno le masse industriali, la mànulaglia à la Spencer. Ciò che è permesso soltanto alle nature più forti e più feconde perchè la loro esistenza sia possibile — l' ozio, l'avventura, lo scetticismo e persino la sregolatezza, rovinerebbe nocessariamente le nature mediocri, se ciò fosse loro permesso — e vediamo in- fatti che le rovina. Qui invece stanno bene l'operosità, la regola, la moderazione, la « convinzione » sicura — in una parola, le virtù da gregge : questa specie media di uomini si perfeziona con esse. 575. Che si ponga in gioco la propria vita, la propria salute, il pro- prio onore, è una conseguenza della baldanza e di una volontà tra- boccante, dissipatrice; noai per amore degli uomini, ma perchè ogni gran pericolo suscita la nostra curiosità riguardo alla misura della nostra forza. 576. «Sacrificar la proprio vita per una cosa » — grande effetto. Ma si dà la propria vita per tante cose : gli affetti tutti vogliono il loro soddisfacimento — Sia che noi rischiamo la vita per la compassione o per l'ira o per la vendetta, il valore non viene mutato affatto. — Quanti hanno sacrificato la loro vita per le beQle donnine, e persino la loro salute, il che è ancora peggio! Se si ha un dato temperamen- to, si scelgono istintivamente le cose pericolose : per esempio le av- venture della speculazione, se si è filosofi, o quelle dell'immoralità se si è virtuosi. — Una specie di uomini non vuol rischiare e l'altra vuole. — Noi altri disprezziamo forse la vita? .M contrario, noi cerchiamo istintivamente una vita potenzializzata, la vita nel pericolo... Con ciò, sia detto ancora una volta, non vogliamo essere più virtuosi degli altri. Pascal per esempio non volle rischiar nulla e rimase cristiano: forse questa fu virtù. L'uomo si sacrifica sempre. 577. "Seguire il proprio sentimento»? — L'uomo, c e- d e n d 0 a un sentimento generoso, mette a rischio la propria vita, dietro l'imipulso di un momento: questo ha poco valore e non caratr terizza neppuire. Tutti gli uomini sono uguali nella loro capacità a - 2