Apri il menu principale

Pagina:Nietzsche - La volontà di potenza, 1922.djvu/256


questa forza aumenta al punto che rende capaci di veri saggi di forza: si finisce col non creder più ai propri occhi e al proprio orologio! È vero che qui si deve tener conto del fatto che la danza, come tutti i movimenti rapidi, porta con sè una specie di ebbrezza di tutto il sistema vascolare, nervoso e muscolare! Bisogna conside- rare, in questo caso, gli effetti combinati di una doppia ebbrezza. E come è saggio di aver di tanto in tanto un poco di questa ebbrezza! Ci sono realtà che non si devono mai confessare a sè stessi : pej* questo si è donne e si hanno tutti i pudori femminili.... Queste gio- vani creature che danzano laggiù si muovono visibilmente al di là di ogni realtà : ballano solo con altrettanti ideali sensibili : esse ve- dono persino, anzi, altri ideali seduti intorno a loro: le madri!... Occasione di citare Faust.... Esse appaiono di gran lunga più belle quando sono un po' inebbriate, queste graziose creature — e come lo sanno! Infine sono anche ispirate dalla loro acconciatura; il loro vestito è la loro terza piccola ebbrezza; credono al loro sarto come credono in Dio; — e chi sconsiglierebbe loro questa fede! Que- sta fede rende beati! E l'ammirazione di sè è sana! L'ammirazione di sè garantisce contro i raffreddori. Ha mai preso un raffreddore wia donna che sapeva di essere ben vestita? Mai e poi mai! Consi- dero anche il caso in cui essa fosse a mala pena vestita. 527. Si vuole la prova più straordinaria che mostra sm dove giunge la forza trasfìgnratrice dell'ebbrezza? — L'« amore » è questa prova, quello che si chiama amore in tutte le lingue e in tutti i silenzi del mondo. L'ebbrezza si libera della realtà in tal modo che, nella co- scienza di chi ama, la causa è cancellata e sembra che qualche altra cosa si trovi al suo posto — uno scintillìo e uno splendore di tutti gli specchi magici di Circe.... Qui non c'è differenza fra l'uomo e l'animale, e non costituiscono nessuna differenza lo spirito, la bontà, l'equità.... Si è ingannati sottilmente quando si è sottili; — e si è grossolanamente ingannati quando si è grossolani; ma l'amore, e persino 1' amore di Dio, V amore santo delle « anime riscattate » rimane uno nella sua radice; una febbre, che ha delle ragioni per trasfigurarsi, una ebbrezza che fa bene a mentire intorno a se stes- sa.... E in ogni modo si mente bene quando si ama, si mente dinanzi a se stessi e intorno a se stessi : ci sembra di essere trasfigurati, più forti, più ricchi, più perfetti, siamo più perfetti.... Troviamo qui l'arte come funzione organica; la troviamo inserita nell'istinto an- i — m