Apri il menu principale

Pagina:Nietzsche - La volontà di potenza, 1922.djvu/236


di lui. Manca un essere che possa venir reso responsabile del fatto che qualcuno esiste, che qualcuno è fatto in questo o in quel modo, che qualcuno è nato in queste circostanze o in questo ambiente. È una grande consolazione il sapere che non esi- ste un essere simile... Noi non siamo il risultato di una intenzione eterna, di una vo- lontà, di un desiderio: non si fa per nostro mezzo il tentativo di raggiungere un « ideale di perfezione » o un « ideale di felicità » o un « ideale di virtù » — e ancor meno siamo uno sbaglio di Dio, sbaglio di cui Egli stesso dovrebbe aver paura (si sa che il Vecchio Testamento comincia con questa idea). Non esiste nessun luogo, nessuno scopo, nessun senso in cui noi possiamo sottrarci al nostro essere, al nostro esser fatti in questo modo. E anzitutto nessuno potrebbe liberarci : non si può giudicare, misurare, paragonare e neppure negare l'insieme! perchè no? — Per cinque ragioni, tutte accessibili anche alle intelligenze mediocri : per esempio, perchè non esiste nulla all'infuori del tu tto.... E sia detto ancora una volta, questa è una grande consolazione, perchè si basa qui l'innocenza di tutto ciò che esìste. 489. Come mi paiono ridicoli i socialisti col loro insulso ottimismo dell'" uomo buono » che aspetta dietro il cespuglio che sia stato prima distrutto « l'ordine » attuale e sguinzaglia poi tutti gl'istinti naturali ». E gli oppositori anche sono ridicoli, perchè non riconoscono la prepotenza nella legge, la durezza e l'egoismo in ogni specie di au- torità. «Io e la mia specie vogliamo dominare e rimaner sole: chi traligna viene espulso o annientato » — questo è il sentimento fondamentale di ogni antico legislatore. Si odia l'idea di una specie d'uomini superiori piìi di quanto non si odiino i monarchi. Antiaristocratico: si serve dell'odio del monarca solamente come di una maschera. 490. Io sono contrario : 1) al socialismo perchè in tutta ingenuità sogna « il buono, il vero, il bello » e i « diritti uguali » ( — come l'anarchia vuole un ideale uguale, ma in un modo più brutale); 2) al parlamentarismo e al giornalismo perchè questi sono i mezzi coi quali l'animale da gregge diventa padrone. - i