Apri il menu principale

Pagina:Nietzsche - La volontà di potenza, 1922.djvu/22


4 - 1) Gli istinti più potenti, più vitali e più fecondi per l'av- venire sono stati calunniati sin qui, così che una maledizione pesa sulla vita. 2) Il valore e la lealtà crescente e la diffidenza più ardita del- l'uomo capiscono che questi istinti non possono essere stac- cati dalla vita e si rivoltano contro la vita. 3) Prosperano solo ipiù mediocri che non sentono questo profitto, la specie superiore fallisce e indispone contro di sè, in quanto è prodotto della degenerazione; d'altra parte si è indi- gnati contro il mediocre che vuol far credere di essere il fine e il significato (nessuno può più rispondere a un « perchè?»). 4) Il rimpicciolimento, la capacità di soffrire, la fretta, il brulicame aumentano continuamente, la realizzazione di tutto questo movimento, la cosidetta « civiltà » diventa sempre più facile, e l'individuo disperae si sotto mette di fronte a questo enorme meccanismo. 38. Quali vantaggi offriva l'ipotesi morale cristiana? ■ 1) Essa prestava all'uomo un valore assoluto, in oppo- sizione alla sua piccolezza e alla sua accidentalità nel fiume del di- venire e dello scomparire. 2) Serviva gli avvocati di Dio per il fatto che essa lasciat^a al mondo, malgrado il dolore e il male, il carattere della perfe- zione — compresa la famosa libertà — il male appariva pieno di senso. 3) Essa ammetteva che l'uomo possiede un «sapere» in- torno ai valori assoluti e gli dava così per ciò che più importa, una conoscenza adeguata. 4) Essa impediva che l'uomo si disprezzasse come uomo, che prendesse parte contro la vita, che disperasse della conoscenza; era un mezzo di conservazione. Insomma, la morale era il grande antidoto contro il nichilismo pratico e teorico. 39. Viene il tc.ipo in cui dobbiamo pagar caro di esser stati cristiani per due mila anni; perdiamo l'equilibrio che ci faceva vivere, per un certo tempo non sappiamo dove dirigerci. Ci precipitiamo repentinamente nelle valutazioni opposte colla stessa quantità d'energia creata nell'uomo precisamente da questa i p e r-