Apri il menu principale

Pagina:Nietzsche - La volontà di potenza, 1922.djvu/197


99 — 408. Illusione che qualcosa sia conosciuto, là dove abbiamo una formula matematica per il divenire : esso è solo notato, descritto: niente di più! 409. Quando chiudo in una f o r m u 1 a un fatto regolare, ho facilitato per me la indicazione di tutto il fenomeno, l'ho abbreviata, ecc. Ma non ho constatuto una « legge », bensì posto la domanda, di dove ven- ga; che qualcosa si ripeta: è una congettura, che alla formula corri- sponda un complesso di forze per l'innanzi conosciute e di sprigiona- menti di forze : è mitologia il pensare che in quel fatto le forze obbe- discano ad una legge, cosicché in grazia della loro obbedienza ogni volta noi abbiamo lo stesso fenomeno. 410. L'inalterabile successione di certi fenomeni non dimostra una « legge », ma un rapporto di potenza tra due o più forze. Il dire « ma appunto questo rapporto rimane eguale! » non significa altro che: " una stessa forza non può essere anche un'altra forza». — Non si tratta di una successione, — ma di una r e e i p r o c i tù, un processo nel quale i momenti singoli succedentisi non si condi- zionano come cause ed effetti.... La distinzione del]'« agire » dall'» agente », dell'accaduto da uno che lo fa accadere, del processo da qualcosa che non è processo, ma è duraturo, sostanza, cosa, corpo, anima, ecc. — il tentativo di comprendere il divenire come un modo di differenziazione e mutazione di posto deir« essere », del durevole: questa vecchia mitologia ha fortificato la fede nella « causa e nell'effetto », dopo che essa ebbe trovato una forma fissa nelle funzioni linguistico- grammaticali. 411. Critica del m-e ccanismo. — Allontaniamo qui i due concetti popolari « necessità » e « legge » : il primo pone nel mondo una falsa coercizione, il secondo una falsa libertà. « Le cose » non si comportano con uniformità, secondo una regola: non vi sono cose ( — è una finzione nostra); meno che meno esse si comportano in forza di una necessità. Qui non si obbedisce: dunque che qualcosa sia cosi come è, così forte, così de - 2