Apri il menu principale

Pagina:Nietzsche - La volontà di potenza, 1922.djvu/180


82 - nella nostra fede fino al punto di immaginare per amor suo la « ve- rità », la « realtà », la « sostanzialità » in generale. — « Soggetto » è la finzione, come se molti stati uguali in noi fossero l'effetto di un substrato; ma noi abbiamo prima formato la «egua- glianza» di questi slati; l'eguagliarli e il rettificarli è la realtà di fatto, non la eguaglianza (— questa è piuttosto da negarsi — ). 368. Storia psicologica del concetto di « soggetto ». Il corpo, la cosa, r« intiero » costruito coll'occhio suscita la differenza tra un agire e un a?^ente; l'agente, la causa del fare, concepito sempre più fine ha lasciato come ultimo residuo il « soggetto ». 369. «Soggetto», «oggetto», « ^predicato » queste distinzioni sono fatte e vengono ora applicatee come schemi a tutte le cose fenome- niche. La osservazione fondamentale errata è che io credo di essere ciò che fa o che ha « qualcosa », che ha una proprietà. 370. « Si pensa : per conseguenza vi è un essere pensante » : a questo si riduce l'argomentazione di Cartesio. Ma questo significa conside- rare già come « vera a p r i o r i « la nostra fede nel concetto di sostanza: — <che, se si pensa, debba essere dato qualcosa « che pensa », è solo una formulazione la nostra abitudine grammaticale, che attribuisce ad ogni fare un fattore. In breve, si è qui già formato un postulato logico metafisico e n 0 n soltanto constatato... Sulla via di Cartesio non si perviene a qualcosa di assolutamente certo, ma soltanto ad un fatto di una fede molto forte. Se si riduce la proposizione così: « quindi vi sono pensieri », si ha una pura tautologia: e appunto ciò che è in questione, la « real- tà del pensiero », non è toccato, — vale a dire in questa forma la « fenomenalità » del pensiero non è chiamata. Ciò che Cartesio v o- leva è che il pensiero non ha solo una « realtà fenomenica », ma una realtà in sè. 37i. Che tra s 0 g g e 1 1 0 ed 0 g g e 1 1 0 vi sia una specie di relazione adeguata; che l'oggetto sia qualcosa, che, veduto dall'interno, sarebbe - 1