Apri il menu principale

Pagina:Neera - Vecchie catene, Milano, Brigola, 1878.djvu/96


— 90 —


— Tu forse. Quanto a me non sono più giovane! — interruppe Luigi alzando gli occhi al soffitto, quasi volesse inseguire sulle ali del tempo le illusioni che fuggivano.

— Senti!! — esclamò Diana dandogli uno scappellotto alla scolaresca e soffermando poi la mano tra le nere ciocche lucenti che ornavano la testa di suo marito. — Un po’ vedere se c’è qualche capello bianco? — e i denti in bocca li hai tutti? — un po’ vedere!

Luigi si schermì arrossendo e ridendo suo malgrado.

La pazzarella volle insistere — lui si alzò e lei dietro — intorno ai tavoli; su per le sedie, con accompagnamento di piccoli gridi, di motteggi e di ragazzate, finchè caddero sfiatati su una poltrona — tutti e due — lei premendosi il cuore, lui asciugandosi la fronte. E si guardarono — e tornarono a ridere, pieni di letizia come se avessero conquistato un regno.

Il sangue di Luigi, scosso improvvisamente dall’abituale torpore, gli destava nelle vene un vulcano infuocato e faceva battere i suoi polsi una metà più dell’ordinario.

Questo giovane, che un prete e una beghina avevano allevato, si trovava per la prima volta di fronte a una donna giovine come lui, come lui esuberante