Apri il menu principale

Pagina:Neera - Vecchie catene, Milano, Brigola, 1878.djvu/38


— 32 —

vuote coloro che — ella dice — non sono figli della chiesa.

Perchè ciò? — forse che non sono figli di Dio?

Ecco, questa carità condizionata non la mi entra.

Ma sono una cervellina, come sai, e certe cose non arrivo a capirle.

Ti dirò che abbiamo compagnia. Una di queste mattine appunto, ritornando dalla messa, incontrammo il vecchio curato che si appoggiava al braccio di un giovane assai distinto; la fisonomia di questo giovane non mi riusciva nuova, e stavo pensando se lo avevo forse veduto a Milano la sera del ricevimento; quando mia zia lo salutò con un accento marcatissimo di meraviglia e gli disse che lo credeva in viaggio per la Svizzera.

— Era mia intenzione, — rispose il giovane, abbassando gli occhi con una modestia che mi piacque infinitamente, — ma la salute cagionevole del mio vecchio zio mi fece rimuovere da tale progetto e preferisco trascorrere l’autunno vicino a lui.

La baronessa approvò una risoluzione che faceva l’elogio del suo cuore, e il vecchio curato, interrompendola commosso, l’assicurò che i meriti del giovane erano opera della sua illuminata protezione: Ah! che sarebbe riuscito, — esclamò colle lagrime agli occhi — se ella non lo avesse costantemente guidato, sorretto, consigliato!