Apri il menu principale

Pagina:Neera - Vecchie catene, Milano, Brigola, 1878.djvu/122


— 116 —

è, si trovano carponi per terra a raccogliere un fantoccio di legno, a far correre una palla di gomma elastica, a far scattare la molla di un arlecchino nascosto in una scatola di confetti...

Egli è là il piccolo sovrano, il mondo, l’astro, l’infinito, il più eloquente dei poeti, la creatura più amabile e più perfetta.

Egli ride, si diverte, batte le manine, tira i baffi di papà e gli pone in bilico sul naso la gamba dell’arlecchino.

In verità, io vi giuro che papà non è mai stato così felice — neppure quando lo hanno fatto cavaliere.

— Siete padre? — domandava Enrico IV all’ambasciatore di Spagna.

Ed io domanderò al lettore — se pure ho un lettore — siete padre?

Queste gioie domestiche non toccavano la baronessa, lungi dal commuoverla, le facevano dispetto.

Ella attraversava, nero fantasma, la cerchia lucente in cui si muovevano Luigi, Diana ed Enrico — la attraversava ritta, severa, col suo libro di preghiere in mano, e Diana diceva: — Come è invecchiata presto la zia!

Frequentava assiduamente la chiesa, cosa che aveva sempre fatta del resto: distribuiva elemosine ai poveri più devoti, preparava regalucci per i fanciulli