Apri il menu principale

Pagina:Neera - Un nido, Milano, Galli, 1889.djvu/93


Sulle rive della Sonna. 85

sensazioni effimere e comuni non potevano paragonarsi all’impressione viva che le restava ora nel cuore.

Chiudendo gli occhi, ella vedeva ancora discendere dalla collina un uomo niente altro che un uomo — bello o brutto, giovane o vecchio, non ne sapeva nulla.

Quell’uomo la prendeva in braccio — in braccio? sì; faceva l’ufficio di un ponte o di una barca, non c’era da preoccuparsene. Tutto ad un tratto ella lo guarda... non è più l’uomo di prima. Vede confusamente uno sguardo fulgido, una fronte intelligente, un sorriso come i contadini non hanno.

E l’aveva presa in braccio.

Sprofondandosi ancor più nel guanciale, Editta tentava ricordarsi il suono della sua voce, i gesti, l’espressione. Parole non ne erano corse molte, ma le sembrava che si fossero dette tante, tante cose.

A me, a voi, ai nostri buoni amici, a tutti coloro insomma che di torrenti ne videro più di uno e bene o male li hanno già traversati non parrà vero che Editta vi spendesse dietro tanta immaginazione; ma se vogliamo essere sinceri, dobbiamo rammentare quello che si fece noi la prima volta.