Apri il menu principale

Pagina:Neera - Un nido, Milano, Galli, 1889.djvu/31


La famiglia Spiccorlai 23

volino non si vedevano cassette, il vecchio non s’era mosso e non poteva muoversi; alla magìa Amarilli non ci credeva, ma da parte di suo fratello nulla poteva sorprenderla.

Prese la carta, un po’ riluttante. Carlo Spiccorlai, prevedendo delle obbiezioni, intuonò il suo salmo:

— Donne, donne, donne! cavalli, orologi! Scrivi venga la contessina!

Un po’ d’inchiostro in fondo al vecchio calamaio di legno c’era; Amarilli lo stemperò con una goccia d’aceto.

— Bada che lo sprechi! — gridò il vecchio.

Scritta la lettera, Amarilli, tremante per paura di un rifiuto, chiese una busta.

— Una busta?... Sciocchezze.

Amarilli pazientemente soggiunse che il foglio lacero e friabile non poteva reggere al viaggio; che probabilmente la posta non lo avrebbe accettato.

— Una busta, una busta — borbottava l’avaro — quanto costerà?

— Ma, credo, almeno due centesimi...

Il vecchio prese tempo a riflettere.

Amarilli si aspettava ch’egli dicesse ancora: «Voltati di là,» ma invece disse: