Apri il menu principale

Pagina:Neera - Un nido, Milano, Galli, 1889.djvu/176

168 Parte quarta.

sole, dai monti, dalla valle, dall’azzurro infinito sgorgherà vivo e sonante l’inno di Dio all’uomo, o Editta, credi che il tuo cuore non sarà elettrizzato e commosso? Nei libri è l’uomo che parla alla natura; nei campi è la natura che parla a noi. Sentirai, cara fanciulla, che poesia più grandiosa e più vera!

— Qual uomo sei tu, Giovanni! — interruppe Editta intenerita, lasciando cadere la sua bella fronte sulla spalla del giovane. — Come l’angelo dell’Eden tieni in mano una spada fiammeggiante, con essa distruggi ogni mia falsa idea, ogni ingiusta prevenzione. Parla ancora; è poesia questa che ti detta il cuore; io la sento echeggiare dentro di me armoniosa come i più bei versi. Parla, amico mio!

Le ore non contavano più per loro, si capisce. Ma Amarilli ritornò annunciando prossima la mezzanotte.

Al 20 febbraio ricorreva l’anniversario di Editta; ella compiva diciotto anni.

Ci fu festa quel giorno in casa del signor Bruno; Margii per la prima aveva lavorato se-