Apri il menu principale

Pagina:Neera - Un nido, Milano, Galli, 1889.djvu/108

100 Parte seconda.


Si accorse allora che le imposte della finestra erano chiuse, e le venne un gran bisogno di aprirle. Attraverso le tende di mussolina vide il signor Giovanni che si allontanava, e risentì quello stesso trabalzo al cuore, quel medesimo tremito per tutta la persona.

— Che e questo? — domandò fieramente a sè stessa, paurosa della risposta; ma la risposta non venne.

Si pose allora per calmarsi a lavorare, e Rachele la guardava con gli occhi grandi sbarrati, sembrandole meravigliosa quell’agilità delle dita, finchè tornò il padre seguito da Margii, che portava la zuppa.

Bruno si accostò a Editta, e fissandola in un modo speciale, come se non l’avesse mai veduta prima, esclamò, rispondendo ad un pensiero interno:

— Si, è vero, è molto cambiata. L’egoista ch’io sono!

— Che dice, signor Bruno?

— Dico cara ragazza, che non deve continuare a fare l’infermiera; è troppo giovane, troppo delicata, s’ammalerà anche lei.

— No, no; questo dovere io lo compio volentieri, non credo che mi possa far male.