Apri il menu principale

Pagina:Neera - Il libro di mio figlio.djvu/98

90 il libro di mio figlio


Ma di grazia, non è un errore che l’uomo condannato a lavorare dodici ore al giorno, si cibi di pane ammuffito e dorma in un canile? Si affrettino gli innovatori a togliere prima questo errore. Perchè non lo fanno?

La ragione è evidente. Per alleviare la miseria e i veri mali del povero occorrono denari, sacrifici, amore; per combattere la religione invece bastano le declamazioni. Ed è questa la facile lotta in cui si cimentano i nostri moderni Bruti.


L’arte — e per arte intendo tutte le manifestazioni del pensiero che si accostano ad un ideale — è pur essa una fede; i suoi templi sono diffusi per tutto il mondo incivilito.

Al contrario della religione, la quale apre le sue braccia a tutti gli uomini, l’arte non