Apri il menu principale

Pagina:Neera - Il libro di mio figlio.djvu/83


il libro di mio figlio 75


Amando e cercando i nostri simili, dobbiamo però inoltrarci colla stessa prudenza che ci guida attraverso un ospedale, dove noi passiamo accanto ai tifosi ed ai vaiolosi guardandoci bene dall’assorbirne l’infezione.

Non altrimenti va inteso il precetto di Orazio: Odi profanum vulgus et arceo. Non disprezzare il volgo, ma non averne bisogno, non subirne le debolezze, non lasciarti trascinare.

Fuggi la messa in iscena, la pompa, l’apparenza, la polvere negli occhi; ciò che brilla, che scoppietta, che abbaglia, che stordisce, che frastuona; i cerretani politici e i cerretani della morale, tutti quelli che fanno ballare le scimmie vestite da uomo.

Modesta la parola e alta l’idea. Così nei tempi splendidi consacrati dalla storia, usavano i padri nostri. Così dobbiamo usare