Apri il menu principale

Pagina:Neera - Il libro di mio figlio.djvu/78

70 il libro di mio figlio


l’anima libera non potrà mai concedere una porzione di sè stessa ad una causa che non la persuade solo perchè le torna utile, o ad una persona che non ama solo perchè la persona è potente.

Qui, dopo averti quasi promessa una sola citazione di versi, ti chiedo grazia per una seconda dello stesso autore; ma così veramente educatrice e degna dell’altra che mi è caro consegnarle entrambe a queste pagine che portano il tuo nome:

«Me non nato a percotere le dure illustri porte.
Nudo accorrà, ma libero, il regno della morte.»

Non senti tutta la fierezza di questo concetto, diciamo pure tutto l’orgoglio?

L’orgoglio, vedi, io lo stimo moltissimo — a parte l’orgoglio dell’asino che portava reliquie e che, vedendo i contadini inginocchiarsi dietro i suoi passi, rizzava le orecchie credendosi un gran personaggio.

Il vero orgoglio non si circoscrive alla