Apri il menu principale

Pagina:Neera - Il libro di mio figlio.djvu/58

50 il libro di mio figlio

Certuni, sotto pretesto di essere sinceri, lasciano trasparire qualunque brutto movimento dell’animo; e se capita a trovarli in un’ora di malumore un amico, non gli nascondono la loro contrarietà, adducendo che già sono franchi e non sanno fingere.

— Mi trovi più sincero che obbligante, dicono. E dall’aria soddisfatta, altera, traspare l’intima loro persuasione di essere qualche cosa, di avere un carattere.

Ma la sincerità rozza, egoistica, non è una virtù, non è franchezza, non è sincerità, è semplicemente cattiva educazione.

In tale caso e in tutti i consimili è facile capire che c’è molto maggior merito a frenarsi ed a coprire con un po’ di discrezione la sfacciata nudità di un vero che non giova ad alcuno.

Non si può nemmeno immaginare che