Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/82


che si interessassero a lei, e la sua passione era nota a lei sola, trovò naturale di restare ancora sola nell’impeto della gran bufera.

Un po’ più pallida appena mosse alle consuete occupazioni, alle cure casalinghe che ella compiva senza slancio, e senza ripugnanza, docilmente attaccata al dovere, non immaginando neppure che potesse essere diversamente. Ebbe un lieve sussulto quando la vecchia le an¬nunciò che il loro pigionale era già uscito, ma non fece commenti.

Grave, sentendo scaturire dalla sua difficile posizione un dovere di più, entrò nella camera di Cònsolo senza jattanza e senza timore. La vecchia l’aveva già rigovernata, ma ella conosceva il posto dei libri, il modo preferito di collocare la poltrona, la disposizione delle tende sulla finestra, e attese a tali minute cose con un ardore concen¬trato dove si quietava la profonda ferita del suo cuore.

Servirlo così umilmente in silenzio non avviliva Minna, poichè ogni atto della sua mano era nobilitato dallo spirito di sacrificio che lo faceva assurgere al gesto sacro