Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/42


Egli pensava: Mi aspettò, mi vuole.

Due ore suonarono alla chiesa della Passione.

— Che notte meravigliosa ! - esclamò Filippo - sarebbe un vero peccato perderla sotto le coltri. Il Naviglio ha luccichii degni della Laguna. Conosce Venezia ?

— Oh ! - fece lei - stupita della sola supposizione che avesse po¬tuto vedere Venezia.

— Con un po’ di fantasia questo cantuccio le può dare un’idea di Venezia e della Laguna. Guardi laggiù il ponte dell’Ospedale come si disegna netto sullo sfondo del cielo ! Chi ci impedisce di chiamarlo « il Ponte dei Sospiri?... e come svettano superbamente i platani del giardino Sormani pari a un alto pensiero malinconico tra cento pensieri ridenti !

— Sono suonate le due all’Orologio della Passione... S’è fatto ben tardi, io mi ritiro.

— Aspetti un poco. Non si potrebbe nemmeno dormire con questo caldo. Non ha caldo lei ?

Le prese ancora la mano salendo delicatamente a toccarle il braccio che emergeva nudo dalla breve manica estiva.