Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/314


calunnie questa illibatezza morale che re¬sterà, meglio ancora del suo grande ingegno, la gloria più pura di colui che piangiamo !

— La politica è una sozza megera, rallegriamoci che egli non vi abbia potuto tuffare le proprie ali.

— Al contrario, un uomo della forza di Filippo Cònsolo poteva levarsi ben al di sopra dei bassi pantàni dove affogano gli altri. Fu peccato che non riuscisse alle elezioni.

Marco Agrati passava in quel momento in compagnia di Guido Pesaro.

— I giovani merli – borbottò fra i denti col suo sorriso caustico – stanno aguzzandosi il becco. Non sanno che egli ebbe tutte le fortune; anche quella di morire in tempo.

A breve distanza da loro Daisini e Stello accompagnavano Minna che si teneva a mano il bambino.

Un anno di vedovanza avea di poco cambiato Minna. Era sempre la donna dalla modesta bellezza, dolce e grave, solamente più sicura di sè nell’ incesso, nella parola, nello sguardo.