Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/309


L’altra rispose :

— Nei Colombari non mi piacerebbe a stare.

— Nei Colombari no; ma guarda questa fuga di alberi, quale dolce ombreggiatura rameggia sul bianco marmo delle lapidi.

— La tristezza è che i morti non vedono la loro bella dimora.

- Per ciò è buono che i vivi vengano a prenderne conoscenza.

— C’ è molta gente oggi.

— Si inaugura il monumento a Filippo Cònsolo.

— Io non 1’ ho conosciuto.

— Io sì. Assistevo alle sue lezioni con tre altre amiche. Ci chia¬mavano le inseparabili e ne eravamo tutte e quattro innamorate.

— Di Cònsolo? Davvero ?

— Davvero, davvero. Bisognava udire la sua voce, incontrarsi una volta sola col lampo de’ suoi occhi, non puoi immaginare, via ! La sua parola resterà uno dei più alti godimenti spirituali che io abbia avuti e il suo volto uno dei più virilmente belli che io abbia visti.