Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/281


affermarsi indipendente e forte, portò Minna al davan¬zale della finestra e di là sollevò la faccia verso il cielo magnificamente stellato che le diede subito una sensazione fisica di sollievo, mentre i suoi occhi scrutando l’impenetrabile volta andavano in cerca di più sottili e più intimi contorti.

Finalmente il passo di Filippo risuonò sul lastrico; Minna si ri¬trasse dal davanzale movendogli incontro nell’attiguo salottino. Egli era accigliato e torbido più del consueto. Non la vide o finse di non vederla.

— Sta meglio - disse Minna alludendo al bambino.

Filippo non rispose subito.

— Ho temuto per un istante che gli tornasse la febbre, ma non venne. Ora riposa tranquillo.

— Bene, bene.

Filippo pronunciò in fretta quella sola parola ripetuta due volte quasi a levarsi dal fastidio di cercarne altre e buttando sulla tavola alcuni giornali che teneva in mano si ritirò prontamente nella sua camera. Minna per abitudine di ordine prese quei giornali e stava riponendoli nell’apposito