Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/268


Il medico arriva con una puntualità che dà subito a Minna un istante di sollievo. La seconda visita è ancora più lunga e più minu¬ziosa. Vi assiste anche Filippo.

— La difterite è assolutamente esclusa - chiede Minna che teme sopratutto quel terribile morbo.

— La difterite la escludo.

— Pure gli duole tanto la gola... - soggiunge Minna. Segue una lunga. pausa; il dottore sembra incerto, guarda ancora le fauci arrossate, invitando Cònsolo a guardare:

— Vede, non vi sono placche difteriche.

Scopre il petto; osserva minutamente la pelle; esclama :

— Ecco!

Minna pende dalle sue labbra.

— I sintomi - conclude il dottore ricoprendo il corpicino denu¬dato - sono formali. Si tratta di scarlattina.

A tale annuncio Filippo che si trovava a ridosso del letto fa un rapido passo indietro. Minna se ne accorge e lo guarda in faccia. Egli è pallido.