Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/253


- Minna proruppe con un calore che sforzò il freno impostasi durante tutta la serata:

— Ma infine chi è?

Marco Agrati in mancanza della canna si mordeva l’indice della mano, — Una gran signora - disse Minna ingenuamente - a giudicare dal gioiello che porta in dito.

— Giusto : una gemma falsa ; ecco la sua qualifica esatta.

— E come si chiama?

— Gemma falsa, lo ha detto. Che importano gli altri nomi ch’ella può avere? Il suo vero nome è questo. Falsa nel gioiello da regina Saba così fuori di posto sulla sua mano di questuante; falsa nell’abito frangiato d’oro che ella scroccò certamente con basse genuflessioni e con arte funambulesca allo spoglio di qualche Dama compiacente ; falsa nella seduzione in cui riesce col fascino morboso dell’orrido ; falsa nell’ingegno che si atteggia a copia servile dell’ingegno altrui ; falsa nelle amicizie dalle quali spreme tutto il possibile vantaggio e getta poi come buccia di limone quando none servono più. Le basta?