Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/252


il volto di Minna che si era coperto di una vampa ardente.

— Ma non vuol dir nulla - soggiunse l’Agrati. - Vi è forse qual¬cuno che prenda sul serio quella cabotine?

La parola giunse nuova all’orecchio di Minna; ella guardò Stello in attitudine interrogativa.

— Zitto - fece lui.

Cònsolo attraversava la sala dando ancora il braccio alla donna vestita di verde ed erano con loro tre o quattro uomini che la sguaiata traeva dietro alla sua parlantina inesauribile, vertiginosa, istrionesca, provocando l’uno, motteggiando l’altro, colla impertinenza temeraria di un monello che quando è al sicuro dagli scapaccioni si permette tutto.

— Pare impossibile - disse Stello appena si furono allontanati, rispondendo ad una osservazione che aveva fatta dentro di sè, ma che non era difficile indovinare.

— La conosce? - chiese Minna.

— Di vista.

- E’ già una grossa disgrazia per i tuoi occhi - soggiunse l’Agrati.