Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/242


Agrati che veniva dopo vedeva meno ancora.

— A più tardi — disse. — Intanto permetta che dedichi a lei il mio brindisi rispettoso e sincero.

— Ma io non ho meriti...

— Bevo al suo coraggio.

— Il mio coraggio? — esclamò Minna arrossendo violentemente.

Pensò subito che l’Agrati l’aveva conosciuta ne’ suoi giorni di miseria e maligno com’era voleva forse rammentargliela, ma le bastò gettare uno sguardo su quel volto devastato dalle passioni per leggervi il più schietto sentimento ammirativo.

— Guardi — disse l’Agrati con una rapida transizione di idee — guardi la posa di Daisini in questo momento. Non somiglia a Gesù nella cena degli apostoli? quando disse: « Uno fra voi mi tradirà?»

Turbata, Minna soggiunse :

— Oh! ma qui non vi sono traditori.

— Che ne sappiamo noi?

Pronunciando queste ultime parole la fisionomia mobilissima del¬l’Agrati mutò tutta; divenne dura e sarcastica.