Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/234


era uscita mai in pub¬blico accompagnata da suo marito.

Tempo addietro sarebbe stata commossa e felice di quella specie di presentazione ; ora fece la sua entrata molto semplicemente, ser¬bando il contegno serio e attento di chi studia il terreno dove met¬tere i passi. Sapeva che Filippo se la portava di mala voglia cedendo alla pressione della maggioranza e questa lieve ombra malinconica che le velava la fronte le dava sopra le altre donne, qualcuna più bella, qualche altra più elegante di lei, un particolar segno di distin¬zione che la fece subito nota.

— Occorrono - disse Guido Pesaro, elegantissimo, con una gar¬denia all’occhiello e che sembrava ispezionare dalla soglia dell’uscio ogni nuovo arrivato - quattro generazioni per fare un lord, due per fare una lady ; ma a costei è bastato diventare la moglie di Cònsolo per trasformarsi di botto in una signora a modo.

Un muso di faina acuto ed insolente protendendosi sulla spalla di Pesaro soggiunse:

— Quella è una donna di molto ingegno.