Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/230


racchiudesse aiuti soprannaturali, i giovani giuravano in nome dell’urna, i vecchi di¬nanzi all’urna pregavano.

Tutti erano penetrati dalla potenza del Mistero. Ma un empio temerario riuscì una volta a salire sulla vetta del monte e spezzata l’urna e trovatala vuota scese a narrare la scoperta agli uomini.

Da quel giorno il culto dell’urna fu soppresso, gli uomini non pregavano più e le tristizie e i vizi di essi crebbero a dismisura.

Afferrò subito Minna il significato di questa pagina di profonda poesia e ne colse quel supremo senso di gioia che dà a chi si affatica nella ricerca del vero la conferma e quasi l’approvazione dei grandi pensatori. Essere sicuri di aver ragione è il segreto di tutti gli eroismi.

Stello la trovò quella sera ancor più bella del consueto, cogli occhi brillanti della interna luce, rosea di commozione. Egli la cre¬deva in armonia con Filippo e interpretò diversamente il contegno della giovane donna.