Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/211


gli affranti ac¬costarsi per averne luce e calore ? Non dunque il portatore della lam¬pada può preoccuparsi del brucherello che gli agonizza a lato o della radichetta vizza che si frange sotto il suo passo poichè la sua mis¬sione è di vegliare colle pupille sollevate e la mano salda ».

E sia, – concludeva Minna.

— Ho creduto di comprenderlo e mi sono ingannata; egli è stata la bufera che mi portò in alto ; il suo compito è finito ; ora tocca a me. Perchè ostinarsi a pretendere dagli altri la propria felicità? Esiste forse un bene che non abbia principio in noi stessi ? Sia amore o sia fede, sia trionfo di lavoro o ebbrezza di sensi, sia coscienza di un po¬tere o esercizio di una volontà ? Se io cedo, se mi frango, se muoio sotto il suo disprezzo insolente avrà ragione lui : sarò la radichetta insignificante, sarò il bruco volgare che impunemente si schiaccia.

Dinnanzi a tale ipotesi Minna palpitava e fremeva, colle labbra strette, l’occhio raccolto e fisso in una visione interna.

— Ma se mi sollevo, se lo eguaglio, se lo vinco la ragione è mia.