Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/198


e i vecchi ponti e i vecchi giardini dagli alberi contorti; ma devo pure riconoscere che anche questi quartieri nuovi hanno la loro leggiadria. Osservi dalla finestra la chiesa dei protestanti come si presenta bene, tutta rossa in mezzo al verde che le fa corona.

Parlava Minna e Stello la guardava, ammirandola in ogni linea, in ogni movimento. Coll’entusiasmo proprio delle giovani spose ella volle fargli gli onori del recente nido cogliendo ad ogni tratto l’occa¬sione per tessere gli elogi di Filippo, sul suo gusto, sulla sua avve¬dutezza, su delicate previdenze che ella non mancava di attribuirgli ascoltando una segreta commozione traboccante di gratitudine che le faceva quasi un obbligo di mostrare a tutti la sua felicità.

I dubbi che ella aveva avuto altre volte sull’amore di Filippo s’erano ritratti forzatamente dinanzi al fatto compiuto del matrimonio e non le fu difficile persuadersi che le durezze, l’indifferenza, la longanimità di lui erano state nient’altro che una prova, un’esperienza per vedere se ne fosse degna.