Pagina:Neera - Duello d'anime, Milano, Treves, 1911.djvu/195


- Vedi quanto ti domina? Vedi?

— Ah ! no. È una inconsciente, una ignara, una sentimentale, un nulla. Rassicurati ; non potrà esercitare alcuna influenza su di me, ammesso che ne abbia avuta una sul mio destino. Per il mondo avrò fatto un matrimonio d’amore; esso è abbastanza sciocco per crederlo, ma in casa mia lei non ascenderà di un solo grado; il suo posto rimarrà quello ch’è stato finora, posto di ancella.

— Bada : io non la voglio riconoscere, non la voglio vedere ! - disse improvvisamente la signora Cònsolo rizzandosi altera.

Filippo annuì con un gesto. Ella soggiunse con amarezza:

— Sarai infelice presso a lei.

— Non ho mai pensato a fondare la mia felicità sull’amore di una donna. Conosci le mie opinioni in proposito. Nessun rimpianto dunque.

— Ma porterà il nostro nome !

Filippo ebbe uno scatto impaziente.

— Mamma! - gridò pallido per dolore -